Corsari del Gusto®

Liberi pensieri di un contadino della provincia di Cuneo e dei suoi amici

Teoria dell’HOMO VULGARIS, ovverosia “le origini della causa”.

Dopo anni di faticoso studio e polverose ricerche negli archivi di menti eccelse ho rintracciato questa mappa, credo unica al mondo, dove si legge e vede che, nel percorso evolutivo dell’animale uomo, c’è una distaccata ma costante presenza di una essere bipede, a se stante, indicato appunto come HOMO VULGARIS. Ribattezzato dal sottoscritto: “ominicchio o culo pallido”. (Perdonatemi il pallido)

La mappa è in corso di interpretazione ma sono a buon punto. Sono anni che “percepisco” questa teoria ma ora posso dire di avere la prova che mi mancava: “la stessa origine ma strade diverse”. Infatti, l’Homo Vulgaris è un essere che ci ha accompagnato durante l’evoluzione senza mai passare da nessuna tappa. Noi, Homo Sapiens, partendo dall’ RAMAPITECUS per arrivare ad oggi abbiamo dovuto passare le varie fasi (vedi foto) L’Homo Vulgaris no: come una zecca è vissuto del nostro sudore e sangue senza mai faticare. Guardate la linea dritta che parte dal RAMAPITECUS  e arriva al HOMO VULGARIS: nessuna tappa, niente evoluzione, niente fatica. Lui si è creato un mondo nel nostro mondo meglio, una realtà nella realtà. Il suo substrato vitale è LA BUROCRAZIA. E su quest’ultima parola tanti cadono in errore. La BUROCRAZIA, come tale, è innoqua! E’ niente altro che il frutto della nostra continua ricerca della perfezione. Esistono i codici, le leggi, le normative…sono come “file” che “galleggiano” nel nostro quotidiano non facendo male a nessuno. E qui che interviene L’ HOMO VULGARIS:  come un incantatore di serpenti lui inizia la sua nenia (parla pianino, lento che quasi non lo senti…)  ci incanta, disarma e piega alle sue volontà mettendoci davanti difficoltà, che noi chiamiamo appunto BUROCRAZIA ma non sono altro che “file”,  premi CANC e vanno nel cestino. E’ trasversale, lo puoi trovare dappertutto, ha una caratteristica evidente: NON FA NULLA MA SA TUTTO, O MEGLIO, SA SEMPRE COSA E’ MEGLIO PER TE.  Mai successo di pensare: “ma quello li come cavolo fa a vivere?” Vi ricordate “Il Gatto e la Volpe di Pinocchio, “personaggi”  anche cantati da Edoardo Bennato  tempo fa: ecco esempi di HOMO VULGARIS. Ci conosce da millenni e sa come sia forte la nostra dipendenza dai sensi di colpa, giudizi altrui, mode, manie, sogni nel cassetto, debolezze, dipendenze: e ci va a nozze!

FINE PRIMA PARTE (by Corsaro)

7 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


7 Risposte a “Teoria dell’HOMO VULGARIS, ovverosia “le origini della causa”.”

  1. 1

    francesca - torino dice:

    Sei forte!

  2. 2

    guido dice:

    Ma sei sicuro che la burocrazia sia innoqua???
    mhaa…

  3. 3

    Corsaro dice:

    In quanto tale…non morde, anzi dovrebbe aiutarci, e regolare le cose. Per esempio: mai successo che qualcuno ti dica: “è la burocrazia?” Ma come può essere possibile? Ha mica vita propria! Semmai sei davanti ad un ominicchio che si nasconde dietro la burocrazia per non prendersi delle responsabilità. Ed è la prova provata che, il culo pallido, vive DI burocrazia, anche.

  4. 4

    Alberto M. dice:

    Ha ha ha ha, cosa ti sei fumato? L’erba-pipa degli elfi?
    Aspetto la seconda parte!

  5. 5

    marzia dice:

    sì, aspettiamo il seguito…
    per me la burocrazia attualmente ha nome è cognome, è donna ed è seduta in un ufficio tecnico comunale

  6. 6

    Corsaro dice:

    Ma va? Anche io sono alle prese con tale persona: siamo davanti ad un “culo pallido”, il sesso è relativo. Si nascondono dietro la burocrazia per fare nulla e farci della pista. Ridicolo quando si lanciano nella interpretazione, personale, della legge. Ma basta premere CANC, oppure procedere con una denuncia alla procura per mobbing. Vedi come abbassano le ali.

  7. 7

    Marco dice:

    Vedo che da anni non c’è più alcun commento, quindi forse la pagina non funziona più. Segnalo comunque che oggi l’HOMO VULGARIS è tornato, in una sua formidabile reincarnazione: si chiama HOMO GRILLINUS VULGARIS e in Italia ce ne sono tantissimi.

Lascia un commento




Il tuo commento:

Segnala questa notizia su ZicZac!