Corsari del Gusto®

Liberi pensieri di un contadino della provincia di Cuneo e dei suoi amici

Ma che domande!

Non nascondo che durante questi gustosi eventi l’incontro con qualche bischero, nonostante i vari filtri,  è cosa certa. Ci sono due domande, o meglio considerazioni, rituali, che nelle occasioni di vendita diretta mezzo eventi del gusto mi vengono rivolte.

La prima considerazione, in seguito ad un assaggio,  è: ” buono! Non si direbbe oca!”  Qui, la considerazione, è bonaria, anzi, direi un modo goffo da parte del bipede degustatore di elevare l’oca al rango di animale commestibile, al pari di quelli che per lui rappresentano il cibo quotidiano. Chissà quali, non oso pensare, chissaperchè mi viene in mente crocchette, quattrosalti, similpolpette, della serie una botta e via!

L’altra considerazione è ben più grave e può anche  rappresentare, ahimè, lo stato di sonno generale che imperversa… 

“Ma Come, lei espone le foto delle sue oche e vicino i salami fatti con le loro carni. Non si vergogna?”

Ecco qui, in questa domanda-considerazione si tocca con mano la PORNOGRAFIA DEL GUSTO: il desiderio di immagine, superficiale, gustosa, golosa, succulenta e ghiotta di un cibo, immortalato da una photografia con reflex e grandangolare e…BASTA COSI’! Cioè, tutto ciò che è alla fonte della materia prima, specialmente quando animale, non si deve vedere. Qui non si discute se è giusto mangiare carne ma se è giusto mostrare gli animali sacrificati.

Facciamo un attimo di attenzione: questa è una regola precisa che viene applicata da parecchi produttori/commercianti di prodotti trasformati. Mai fotografie di animali, bastano capitolati e certificazioni di benessere animale. Ah si? IO NO! Le foto che espongo sono il mio modo, vero, di comunicare come i miei animali vivono in una condizione più vicino possibile a quella della loro natura. Niente lager alle loro spalle, niente imbuti, alimentazioni forzate, alchimie ed altre porcate simili. Me ne frego se ciò indigna, a me indigna ben altro, ad esempio i falsi moralisti santi di giorno, orchi di notte. Amici davanti, nemici alle spalle. AMICI DAVANTI, NEMICI ALLE SPALLE. Non piace? Passate avanti! (By Corsaro)

18 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


18 Risposte a “Ma che domande!”

  1. 1

    AlbertoM. dice:

    Il Corsaro è in forma!
    Forse nella considerazione 2 ti riferisci all’episodio di Golosaria-Milano?

  2. 2

    Luca dice:

    Tra l’altro, mi sono sempre chiesto una cosa: come mai questi pseudo animalisti/moralisti/fatebenefratellidelgusto si indignano solo per certi animali, e di altri invece (anch’essi macellati e trasformati o cucinati, per farne CIBO) se ne fottono allegramente? Perchè solo con certi animali, per meglio dire rifiutando la carne solo di certi animali, si sentono meravigliosamente a posto con la loro coscienza? Cioè, le paperette del Corsaro (così le ho sentite chiamare a Vignale da una signora iper-griffata con pargolo per mano…), il cavallo, gli agnelli (e qui Marzia potrebbe raccontarci 10 episodi al giorno che ha vissuto a riguardo!) fanno tenerezza, mentre invece il manzo, il pollo e la trota se magnano a go-go?! Attenzione, ho parlato solo ed esclusivamente della carne o die prodotti pronti da degustare, tralasciando volutamente ogni considerazione su sistemi di allevamento, alimentazione, ecc ecc….visto che intanto nessuno ormai si preoccupa di comprare il pollo al supermercato sapendo che è un animale drogato e malsano, totalmente privo di energia, vissuto nel 99,9% dei casi in spazi a dir poco angusti, o addirittura in gabbia. Già: chissà perchè?!

  3. 3

    marzia dice:

    ecco, appunto, luca mi ha preceduto!
    lo stesso succede a me: mostro le foto e poi… “ma tu hai il coraggio di mangiarli?”
    se questa gente capisse che, visto che comunque non tutti sono vegetariani/vegani, ecc…, è importante almeno allevare gli animali nel migliore del modi, garantendo loro una vita vera (e non un lagher!)

  4. 4

    Enoteca Soliti Ignoti dice:

    Difficile aggiungere qualcosa: i tuoi interrogativi sono sacrosanti! Risponderti: un’impresa da super-eroe! Ciò che personalmente mi preoccupa è la condonna a prioristica della posizione altrui. Non sei daccordo a che le oche diventino salumi perchè simptatiche? Bene, siamo in democrazia; per lo stesso motivo non sei autorizzato a condannare nessuno solo perchè non la pensa come te, a meno che non si muova fuori dai temini di legge. L’assenza di dialogo, come sempre è raccapricciante e “assordante”! Non a caso, trionfa facebook! bè non so se si capisce perchè solitamente pasticcio abbastanza bene, ma sottoscrivo Luca.

  5. 5

    Corsaro dice:

    @Marzia: come ti capisco!
    @Fabio: certo, daccordo siamo in democrazia, forse sono stato un pò brusco, ma il concetto è, come dici tu, passa avanti e lasciami vivere. Purtroppo in questi casi, me lo ricorda Alberto, citando uno spiacevole episodio simile successomi a Golosaria Milano del novembre scorso, non è mai uno scambio di vedute sereno, magari acceso, ma “disteso”. E’ il contrario! Violento direi. E alllora…BUM!

  6. 6

    Enoteca Soliti Ignoti dice:

    @Corsaro: si ma ti capisco e, di conseguenza, anche Marzia. Non volevo dire che sei stato brusco, ma anzi che probabilmente hai subito tu approci piuttosto netti e bruschi, che tagliano a priori il dialogo; e personalmente ritengo che troppe persone siano troppo sicure di avere la verità in tasca! Soprattutto vedo sempre meno persone che hanno voglio di parlare e ancor meno con desiderio di ascoltare.

  7. 7

    Corsaro dice:

    Giustissimo! Senza contare che per gli allevatori con un cuore, e c’è ne sono, non sempre è cosa facile…

  8. 8

    Marco dice:

    Io al post del Corsaro o 30 e lode! In tutt’altro campo, ma vale la similitudine, dopo qualche anno passato con pazienza a spiegare certi concetti mi sono rotto le palle ed è iniziata una nuova politica: questa è la mia verità! Non piace? PASSATE AVANTI! Grande!!
    E ti dirò che ho ricevuto diverse telefonate di complimenti per un articolo sui giornali locali in cui dicevo verità “scomode”!

  9. 9

    Corsaro dice:

    Si Marco, gente sana e consapevole, per fortuna, in giro c’è ne ancora. Il fatto è che, questa libertà che abbiamo espresso, ha un prezzo, direi anche alto. Ma va bene così; Rimane solo un pò di tristezza a vedere che certe volte, sembra, che faccia più bella figura una cosa falsa, mediocre ma ben inscatolata che la realtà.

  10. 10

    Luca dice:

    Riesci a dirci qualcosa in più di quell’articolo? Qualunque sia l’argomento, sai che qui con le “verità scomode” andiamo a nozze!!!

  11. 11

    Tommaso Farina dice:

    Ma chi ti ha detto questa boiata sulle foto?

  12. 12

    Corsaro dice:

    Ciao Tom, bentornato.
    C’è chi la pensa così. E’ un suo diritto ma, francamente, come ho già detto, mi sembra un pensiero di comodo. Non si vede nulla, la coscienza non morde. Per essere elegante mi viene in mente quello la che si cambiava le mutande senza però lavarsi: da fuori tutto pulito ma da dentro, ahi ahi che spusa…

  13. 13

    Antonio de Franco dice:

    Gent. Corsaro,
    dalle lamentazioni che ricevi mi pare di capire che esiste ancora il senso del “pudore”.
    Penso che sia quello che rimane dopo aver visto il GrandeFratello, la cronaca nera sponsorizzata dai TG, Porta a Porta…

  14. 14

    Irishfairy dice:

    Latito da un po’ nei commenti al tuo blog… mi piacciono le tue paperette, hanno un musotto buffo e sembrano quasi un cartone animato.

    Io rientro nella categoria di persone brutte, cattive e ancor più perverse che le bestie (tutte le bestie) le amano da vive e da morte… e ne sono cosciente.
    Sono cresciuta con un nonno che curava e allevava amorevolmente galline conigli e vitelli (mica perchè avesse bisogno di compagnia) e mi sono disperata anche io quando, puntualmente, uccise a Pasqua il coniglio che mi aveva regalato (da noi l’agnello non è il piatto tradizionale)… ma avevo sei anni e mi avevano confuso le idee… un bacio Corsaro, sei grande, come sempre, anche se non passo a dirtelo spesso.

  15. 15

    Corsaro dice:

    Sei sempre la benvenuta!

  16. 16

    Antonio de Franco dice:

    A proposito dei commenti sul post riguardante l’accesso diretto al SIAN faccio presente che non mi interessano e non mi riguardano le “guerre personali”.

    Certo se Tu evitassi che nel Tuo sito vengano diffamate le persone per bene senza costringerle ad interventi di auto difesa daresti anche Tu un contributo in tal senso.

  17. 17

    Marco dice:

    @Luca: argomento scomodo il cippato. Ma ne parlo abbondantemente sul mio blog, non vorrei che qualche scaglietta finisse nei piatti del Corsaro!

  18. 18

    Luca Ripellino dice:

    Ok, veniamo noi di là….. ciao!

Lascia un commento




Il tuo commento:

Segnala questa notizia su ZicZac!