Corsari del Gusto®

Liberi pensieri di un contadino della provincia di Cuneo e dei suoi amici

Enrico Mattei

Sabato pomeriggio, mentre viaggiavo in auto verso il Vercellese, ho ascoltato per radio la storia di Enrico Mattei (foto),  il Corsaro del greggio. (Così è stato definito dal giornalista-narratore)

Ho messo il link su wikipedia (Enrico Mattei) così, per chi lo desidera, o non lo conosce, è possibile un approfondimento sulla vita di questo Signore. Ma che ci azzecca con noi Corsari? Niente, solo un piccolo contributo affinchè, magari, non ci si dimentichi delle risorse energetiche che l’Italia ha nel sottosuolo. Faccenda che viene dipinta come di scarsa importanza, depositi esigui di cui è antieconomica qualsiasi ipotesi di sfruttamento. Ma forse non è proprio così. Mattei morì nello schianto dell’areoplano su cui viaggiava e subito il caso fu chiuso, archiviato come incidente. Trenta anni dopo qualche usignuolo si mise a cantare leggi qui:  Archivio  La Repubblica vedi link.

 

No tocca a me fare commenti o dare giudizi su questa storia, la cito perchè “storia”. Certo che in momenti come questi dove l’imperativo dovrebbe essere “stare in piedi con le proprie gambe” un pò di gas made in Italy non ci starebbe male, e che i Siberiani non se la prendano a male…(By Corsaro)

3 Commenti »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


3 Risposte a “Enrico Mattei”

  1. 1

    AlbertoM. dice:

    segnalo questo: http://www.la7.it/news/dettaglio_news.asp?id_news=80313&cat=economia
    forse qualcosa muove…

  2. 2

    greggio dice:

    Nel sottosuolo italiano ci sono vecchi giacimenti di gas che, dopo essere stati svuotati, vengono riutilizzati come serbatoi nascosti e strategici. Dopotutto, i vecchi giacimenti sono a tenuta stagna, visto che hanno conservato il metano per milioni di anni, e sono ben infrastrutturati: quando si estraeva il gas, vi arrivavano le condutture per portare il metano vesto i gasdotti. Oggi quegli stessi tubi portano il gas nel sottosuolo quando la domanda è modesta e lo riestraggono quando la domanda di metano è alle stelle oppure – come accade in questi giorni – quando infiamma la “gastrite” tra Russia e Ucraina.

  3. 3

    Corsaro dice:

    letto tutto e grazie per i link. Ecco un’altro bu nero all’italiana. W litaglia

Lascia un commento




Il tuo commento:

Segnala questa notizia su ZicZac!